Carlo Colombo | Design

Go To Artist Page

Recommended if You Like
Enzo Iannacci Fred Buscaglione Paolo Conte

Album Links
Label Official website

More Artists From
ITALY

Other Genres You Will Love
Jazz: Jazz-Pop Pop: Italian Pop Moods: Type: Vocal
There are no items in your wishlist.

Design

by Carlo Colombo

The third album of Carlo Colombo, a witty and amusing jazz songwriter, pianist and singer.
Genre: Jazz: Jazz-Pop
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Sign up for the CD Baby Newsletter
Your email address will not be sold for any reason.
Continue Shopping
cd in stock order now
Buy 2 or more of this title and get 30% off
Share to Google +1

Tracks

Available as MP3, MP3 320, and FLAC files.

To listen to tracks you will need to either update your browser to a recent version or update your Flash plugin.

Sorry, there has been a problem playing the clip.

  song title
share
time
download
1. Porta a Porta
Share this song!
X
2:58 $0.99
2. Cambio Generazionale
Share this song!
X
3:04 $0.99
3. Rapito Dai Marziani
Share this song!
X
3:05 $0.99
4. Design
Share this song!
X
3:09 $0.99
5. Traffico
Share this song!
X
3:06 $0.99
6. Fuori Moda
Share this song!
X
3:12 $0.99
7. Il Mago Del Bricolage
Share this song!
X
3:34 $0.99
8. La Lumaca
Share this song!
X
3:17 $0.99
9. Perso Nella Nebbia
Share this song!
X
2:56 $0.99
10. L\'Ateo
Share this song!
X
3:23 $0.99
11. Fuori Moda (Remix)
Share this song!
X
3:34 $0.99
preview all songs

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
Carlo Colombo, jazz singer and pianist, presents the third and perhaps most controversial work entitled "Design" produced by Maurizio" Bozorius "Bozzi for the independent label Drycastle Records. In this CD he describes in a very amusing way the history and state of mind of the contemporary human being who have lost direction, both moral and philosophical.

Carlo Colombo, cantautore e pianista jazz trevigiano, da alcuni definito una “scheggia impazzita del panorama jazz italiano”, presenta il terzo e forse più controverso lavoro dal titolo “Design” prodotto da Maurizio “Bozorius” Bozzi per l’etichetta indipendente Drycastle Records.
Rispetto ai precedenti lavori, “Sfonderai” del 2002 e “Playboy”del 2006, quello nuovo si presenta con sonorità più varie ed arrangiamenti più complessi, passando dal classico quintetto jazz ad una piccola big-band con grande spazio ai solisti.
In “Design” le sonorità sono principalmente acustiche ma, in alcuni brani, si fa largo uso dell’elettronica, per quanto riguarda gli effetti ed il sostegno ritmico. Carlo ha voluto così aprirsi a nuove possibilità stilistiche, pur mantenendo una struttura metrica ed armonica di stampo jazzistico ed un suono sempre morbido e carico di swing. Le canzoni del disco raccontano in modo ironico momenti di vita quotidiana in apparenza banali eppur carichi di umanità. Si va dai dubbi esistenziali di un venditore porta a porta a quelli di un manager figlio di papà, dalle strane avventure che possono capitare bloccati in mezzo al traffico a quelle di una persona persa nella nebbia o addirittura all’interno di un brico-center. Il cd descrive le storie e gli stati d’animo di persone che hanno perso la direzione da seguire, sia morale che filosofica, raccontano lo smarrimento epocale dell’uomo moderno, quello religioso ma anche quello sentimentale. La soluzione a tutto questo smarrimento esistenziale risiede nella traccia “Rapito dai marziani”, dove la colpa di tutto ciò sta nel nostro stato di rifugiati in un pianeta non nostro, quindi tanto vale abbandonarsi al completo fatalismo e vivere con ironia a tempo di swing.
Tutto il disco è condito da un perfetto assemblaggio di suoni e stili, con arrangiamenti che prendono temi classici, come il jazz e la canzone d’autore, e li trattano in modo inedito e originale, cosa che contraddistingue da sempre i lavori di Carlo Colombo. Da sottolineare il complesso lavoro svolto sulla canzone “Fuori moda”, presentata in due versioni con la stessa armonia ma arrangiamenti diversi che ne fanno praticamente due canzoni a sè.


Reviews


to write a review