Marina Fiorentini | Unexpected String CD &DVD

Go To Artist Page

Recommended if You Like
Jimi Hendrix Marina Fiorentini Miles Davis

Album Links
Marina Fiorentini GreatIndieMusic GroupieTunes Nexhit Tradebit Chondo PayPlay Apple iTunes

More Artists From
ITALY

Other Genres You Will Love
Jazz: Avant-Garde Jazz Jazz: Modern Creative Jazz Moods: Type: Improvisational
There are no items in your wishlist.

Unexpected String CD &DVD

by Marina Fiorentini

MODERN FREE JAZZ, MODERN CREATIVE MUSIC-AVANTGARD,FREE IMPROVVISATION,Music from outer space, captured sound & visions IN the universe. Perhaps aliens perception. Acoustic & electronics. Meeting point: the BLUES & BRAZILIAN BEATS
Genre: Jazz: Avant-Garde Jazz
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Sign up for the CD Baby Newsletter
Your email address will not be sold for any reason.
Continue Shopping
just a few left.
order now!
Buy 2 or more of this title and get 50% off
Share to Google +1

Tracks

Available as MP3, MP3 320, and FLAC files.

To listen to tracks you will need to either update your browser to a recent version or update your Flash plugin.

Sorry, there has been a problem playing the clip.

  song title
share
time
download
1. Black Aurora
Share this song!
X
5:39 $0.99
2. Radio Visions
Share this song!
X
8:29 $0.99
3. Stereo Sun
Share this song!
X
17:03 $0.99
4. space out
Share this song!
X
15:31 $0.99
5. Iridiscent clouds
Share this song!
X
8:03 $0.99
preview all songs

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
Wide space therefore to the free jazz of the Fiorentini Ensemble, whose formation, present in the c.d. gives Fiorentini - Unexpected String - Music Village/Moonlight Records 2004 (12 June 2005) One of the more eclectic personages of the jazz scene and unexpected music returns. Singer, pianist, author for the cinema and the theatre, remarkable director and bandleader, the Fiorentini is perhaps more famous one to the foreign country that in Italy. Unexpected String, singular proposal c.d. + dvd, would have to bring back it quickly under the reflectors also in our country with a total musical message, that it has its roots in puts into effect them in the New York scene, of which is from years protagonist and integrating part, like illustrates splendid dvd attached (the Review Press - Moonlight Jazz Record Innovation) Fiorentini navy, been born to Rome, where it has carried out the first studies of pianoforte with Liliana Gerace, Luigi Nono, Vittorio Gelmetti (Musica Concreta), the artistic high school and the Center of Cinematography (C.S.C). Has worked in several ambles, Radio, Television (RAI), Theatre and Cinema. In Brazil , performing as singer in various television programs, Co- directed the musical version of the play: "The Giants of the Mountain" by Luigi Pirandello for the Theatre Municipal of Sao Paulo and cured the direction of the Theatre of the Two Worlds, film-documentary in 16-mm that she saw the participation of numerous painters: Pablo Picasso, Marc Chagall and Henry Moore. Of return to Rome, she assumed the musical direction of the "Folk-studio" (or "Floors"), historian club of Via Garibaldi, started from Harold Bradley, where they exhibited themselves, among the others:Bob Dylan and Joan Baez. The "Folkstudio", during the management of the Fiorentini & Federico Pietrabruna, launch numerous talents, among the Italians, Maria Carta, Antonello Venditti and Enrico Rava with the American quartet- historical it was the debut to the Theatre of the MUSE of Rome - and, between the international, Irio De Paula, Nana Vasconcelos and many others. Always under the Folkstudio aegis, Production RCA, 1972 cured the sound track of the" Fantasex "(musical), provoking an enormous one happening of public and press. After to have recorded a album for the Milan label Ariston, entitled:"LE STREGHE", with Enrico Rava (trumpet) and Irio De Paula (guitar), in 1973, She moved to New York to study jazz. She made friendship with Miles Davis - already met in Europe to the Montreaux Jazz Festival -, Ornette Coleman, Rashied Wings and Mal Waldron, with which She collaborated also in Munick (Germany). To New York it directed, for the Millenium The Independent Filmmakers Workshop, varies documentary musical, between which Window Mirror Story and Charlie Mingus At The Bottom Linens. To Hollywood, in 1979, it was exhibited in some concerts and, 6 later months, in the 80, toed make one's debut in Israel like bandleader to the Pargod Theater of Jerusalem, which they made followed the stages of Haifa and Tel Aviv. To London, always in years ' 80, it directed a band of 8 elements, between which Harry Beckett to the bugle appeared also. Of return to New York, in the 82, with to the English pianist Zandy Gordon, it participated, exhibiting itself on a boat on the Hudson river, to the New Music Festival for the Floating Foundation of Photography. Always with Gordon, it realized the Z.A.M., formation with which it was exhibited in England (Royal Festival Hall Jazz Café, Ronnie Scott' s, Rock Garden, Production Village, Bulmershe College), France, Switzerland, Italy and in Brasil they. In parallel with its concert's activity, it recited also in several film. From 1999 Marina Fiorentinilegendary produces show a musical weekly magazine of her idea for 2 Time channels Warner, of which one it appears also on the web. The show, called Out Music Tv, it is dedicated to the jazz of numerous vanguard and sees the participation of and legendary musicians "out", between which Cecil Taylor, Rashied Wings, William Parker, Wilbur Moore, Bill Dixon and Ron Carter. Fiorentini navy, moreover, is member of the American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP), from the ' 76, and of the 802 Local American Federation of Musicians of New York. After this short panoramic one on the author, we pass hour to a its most interesting plan of avant-jazz (or jazz of vanguard), realized in 2004 and entitled Unexpected String. A recorded plan comprising a c.d. in Brazil realized them and a dvd to New York. Avant-jazz (the acronym of avant-garde jazz) is a musical style, based mainly on the improvisation, that it arranges elements of composition of contemporary music of vanguard of jazz stamp. Just to make some name, between "the historical" musicians of the jazz of vanguard of the period "free"), Evan Parker and Sun Ra appear John Coltrane ((this last source of particular inspiration for the Fiorentini). If but the names of the musicians been involved in this twofold plan c.d. + are slid dvd us it renders account of how much perfectly is numerous, healthy and innovative the formation of vanguard musicians who, still today, enrich the panorama free jazz American. Between they, an honor place sure is occupied from Fiorentini Navy, singer and Italian keyboard player, by now "musician American" to all the effects. It is an honor (and in minimal it leave a displeasure, sight the foreign choice) to see - and to feel - one our artist, with a rich curriculum therefore of valid experiences, produced in convincing way therefore in jazz within of vanguard, even in America. Wide space therefore to the free jazz of vanguard of the Fiorentini Ensemble, whose formation - present in the cd - is constituted from Nilton Abisay, percussions and voice; Fiorentini , keyboards and voice; Roberto Ferreira, guitar; Fernando Gatti, clarinetto; I Gustavo Rennò, drums and Tyrone Taylor, Bass. But also to those New York artists who alternate themselves in dvd - the Ira Atkins,drums; Daniel Carter, horns; On Davis, guitar; Chango Everett, drums; Matt Heiner, contrabbasso; Dick Griffin, trombone; Luiz Marcelo, battery; Sabir Mateen, sax tenor; Papo, percussions; Tyrone Taylor, bottom; Sandy Anderson, bottom; Djembe, we danced -, all collaborators of Fiorentini, keyboards, sintesyzer and voice, in a way that very illustrate the rich truth of American jazz.
UNEXPECTED STRING CD recorded in Brazil & FREE DVD recorded in New York
Marina Fiorentini - Unexpected String – Music Village/Moonlight Records

Original Italian Version

Ritorna uno dei personaggi più eclettici della scena jazz e della musica improvvisata. Cantante, pianista, autrice per il cinema ed il teatro, regista e notevole bandleader, la Fiorentini è forse più nota all’estero che in Italia. Unexpected String , singolare proposta cd + dvd, dovrebbe riportarla rapidamente sotto i riflettori anche nel nostro paese con un messaggio musicale globale, che ha le sue radici nell’attuale scena newyorkese, di cui è da anni protagonista e parte integrante, come illustra lo splendido dvd allegato (Rassegna Stampa – Moonlight Record Jazz Novità)



Marina Fiorentini, nata a Roma, dove ha svolto i primi studi di pianoforte, il liceo artistico ed il Centro Sperimentale di Cinematografia, ha lavorato in vari ambiti, televisione (Rai), teatro e cinema. In Brasile, si è esibita come cantante in diversi programmi televisivi, ha co-diretto la versione musicale dell’opera I Giganti della Montagna di Luigi Pirandello per il Teatro Municipale di São Paulo e curato la regia di Il Teatro dei Due Mondi , film-documentario in 16mm che vedeva la partecipazione di numerosi pittori tra cui Pablo Picasso, Marc Chagall e Henry Moore. Di ritorno a Roma, assunse la direzione musicale del “Folkstudio” (o “Folkrosso”), storico locale di Via Garibaldi, ideato da Harold Bradley, dove si esibirono, tra gli altri, gli ancora sconosciuti Bob Dylan e Joan Baez. Il “Folkstudio”, durante la gestione della Fiorentini, coadiuvata da Federico Pietrabruna, lanciò numerosi talenti, fra cui, tra gli italiani, Maria Carta, Antonello Venditti ed Enrico Rava con il quartetto americano – storico fu il debutto al Teatro delle Muse di Roma – e, tra gli stranieri, Irio De Paula, Nana Vasconcelos e molti altri. Sempre sotto l'egida Folkstudio, curò la colonna sonora del musical Fantasex (Produzione RCA, 1972), suscitando un enorme successo di pubblico e di stampa. Dopo aver registrato un album per l'etichetta milanese Ariston, intitolato Le Streghe , con Enrico Rava (tromba) e Irio De Paula (chitarra), nel 1973, si trasferì a New York per studiare jazz. Lì fece amicizia con Miles Davis - già incontrato in Europa al Montreaux Jazz Festival –, Ornette Coleman, Rashied Ali e Mal Waldron, con cui collaborò anche in un progetto a Monaco di Baviera. A New York diresse, per la Millenium The Independent Filmakers Workshop, vari documentari musicali, fra cui Window Mirror Story e Charlie Mingus At The Bottom Line . A Hollywood, nel 1979, si esibì in alcuni concerti e, 6 mesi più tardi, nell'80, debuttò in Israele come bandleader al Pargod Theater di Gerusalemme, cui fecero seguito le tappe di Haifa e Tel Aviv. A Londra, sempre negli anni '80, diresse una band di 8 elementi, fra cui compariva anche Harry Beckett alla tromba. Di ritorno a New York, nell'82, insieme al pianista inglese Zandy Gordon, partecipò, esibendosi su un battello sul fiume Hudson, al New Music Festival per la Floating Foundation of Photography. Sempre con Gordon, realizzò lo Z.A.M., formazione con cui si esibì in Inghilterra (Royal Festival Hall Jazz Café, Ronnie Scott's, Rock Garden, Production Village, Bulmershe College), Francia, Svizzera, Italia e in Brasile. Parallelamente alla sua attività concertistica, recitò anche in vari film. Dal 1999 produce uno show musicale settimanale di sua ideazione per 2 canali di Time Warner, di cui uno appare anche sul web. Lo show, chiamato Out Music Tv , è dedicato al jazz d’avanguardia e vede la partecipazione di numerosi e leggendari musicisti “out”, tra cui Cecil Taylor, Rashied Ali, William Parker, Wilbur Moore, Bill Dixon e Ron Carter. Marina Fiorentini, inoltre, è membro dell'American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP), dal '76, e del Local 802 American Federation of Musicians di New York.

Dopo questa breve panoramica sull’autrice, passiamo ora ad un suo interessantissimo progetto di avant-jazz (o jazz d’avanguardia), realizzato nel 2004 e intitolato Unexpected String . Un progetto comprendente un cd registrato in Brasile e un dvd realizzato a New York. L’avant-jazz (acronimo di avant-garde jazz) è uno stile musicale, basato principalmente sull’improvvisazione, che combina elementi di composizione di musica contemporanea d’avanguardia con spunti improvvisativi di stampo jazzistico. Solo per fare qualche nome, fra i musicisti “storici” del jazz d’avanguardia compaiono John Coltrane (il periodo free), Evan Parker e Sun Ra (quest’ultimo fonte d’ispirazione particolare per la Fiorentini). Se però si scorrono i nomi dei musicisti coinvolti in questo duplice progetto cd + dvd ci si rende perfettamente conto di quanto sia numerosa, florida e innovativa la schiera di musicisti d’avanguardia che, ancora oggi, arricchiscono il panorama free jazz americano. Fra loro, un posto d’onore è sicuramente occupato da Marina Fiorentini, cantante e tastierista italiana, ormai “musicista americana” a tutti gli effetti. È un onore (e in minima parte un dispiacere, vista la scelta estera) vedere - e sentire - una nostra artista, con un curriculum così ricco di valide esperienze, prodursi in maniera così convincente in ambito jazzistico d’avanguardia, seppur in America. Parlavo prima di dispiacere: forse dispiace di più costatare che in Italia la musica jazz (ma non solo) difficilmente è d’avanguardia, difficilmente trova spazio nel mercato in forme complesse e “inusuali”, difficilmente viene accolta e coltivata per la sua originalità. Per il resto, vedere che ci sono parti al mondo in cui il jazz può progredire (mi riferisco all’America, come anche all’Europa, in Francia, Olanda e nei paesi nordici) - e in più che in quei luoghi un buon contributo venga proprio dai nostri connazionali - non può che gratificare e, in fondo, ben sperare per il futuro.

Largo spazio quindi al free jazz d’avanguardia del Marina Fiorentini Ensemble, la cui formazione – presente nel cd – è costituita da Nilton Abisay, percussioni e voce; Marina Fiorentini, tastiere e voce; Roberto Ferreira, chitarra; Fernando Gatti, clarinetto; Gustavo Rennò, batteria; e Tyrone Taylor, basso. Ma anche a quegli artisti che si alternano nel dvd - Ira Atkins, batteria; Daniel Carter, corni; On Davis, chitarra; Chango Everett, batteria; Matt Heiner, contrabbasso; Dick Griffin, trombone; Luiz Marcelo, batteria; Sabir Mateen, sax tenore; Papo, percussioni; Tyrone Taylor, basso; Sandy Anderson, basso; Djembe, danza -, tutti collaboratori di Marina Fiorentini, tastiere, sintetizzatore e voce, in progetti che ben illustrano la ricca realtà del jazz d’avanguardia americano.

Nel dvd ci sono due tracce video, Producer Profile e Out Performance . La prima è una lunga intervista rilasciata da Marina Fiorentini ad un programma musicale americano, in cui spiega il suo lavoro, le sue opere, la sua concezione musicale, il suo background di artista a 360°, dal cinema alla pittura, dalla musica alla letteratura, con spunti molto interessanti e vari spezzoni di concerti, progetti e materiale vario, inerente al suo essere musicista “avant-jazz”, un free jazz riletto in chiave “electro-spaziale”, con svariati riferimenti alla “musica concreta” (basata sull’elaborazione mediante sintetizzatore di suoni e rumori dati), alla poliritmia di tradizione africana e mediorientale e allo stile atonale di Thelonious Monk. La seconda, invece, è il video di un suo concerto live all’interno della rubrica Out, da lei ideata e curata. Un’esperienza entusiasmante, che mostra come l’arte musicale della Fiorentini sia mirabilmente “coniugabile” ad immagini visive, che condividano con la musica suonata un enorme fascino e un alto senso evocativo.

È costitutivo della musica, ad un rilassato ascolto, produrre immagini mentali, fantasie, evocazioni: sapere quindi che i brani ascoltati sono stati concepiti proprio per far riflettere, per far sperdere la mente nello “spazio” delle proprie fantasie, per creare suggestive immagini, rende il loro ascolto ancora più consapevole, più meditato, più esplorativo, più entusiasmante. Già dall’immagine in copertina, realizzata dalla stessa Fiorentini, uno squarcio d’universo incorniciato in una perfetta forma geometrica, si coglie l’invito a gustare la musica contenuta nel cd, immaginando di essersi persi nella galassia e di fluttuare nello spazio infinito. I titoli dei brani, poi, Black Aurora, Iridescent Clouds, Radio Visions, Space Out, Stereo Sun , rendono ancora più palese che la rotta, in cui la musica ha intenzione di condurre l’ascoltatore, attraverserà l’intero universo, toccando pianeti, Sole ed altre stelle.

Sin da questa premessa, sembra chiara la comunanza con Sun Ra, sicuramente una delle fonti d’ispirazione più suggestive per la Fiorentini, non solo tecnicamente, nella gestione “free” del gruppo o nella ricerca di effetti sonori alle tastiere. L’artista romana condivide con questo “strano personaggio” della musica free jazz anni ’60, che professava di provenire dalle stelle – da qui il suo nome d’arte, unico “reperto” riguardante la sua persona, giacché un assoluto mistero copre ancora la sua vera identità, il suo nome, il luogo e la data di nascita –, l’allegoria del cosmo, dei pianeti e delle stelle. Su questa forma mentis entrambi costruiscono il proprio “universo” musicale-espressivo. Anche i concerti di Sun Ra erano “immaginati” come viaggi interplanetari, con visite su sconosciuti pianeti e fughe sulla scia di erranti comete. Le musiche evocavano parimenti visioni celesti, i temi erano riconoscibili e avevano durate abbastanza contenute, seppur Sun Ra non disdegnasse spesso dal vivo di lasciarsi andare in esplorazioni musicali più simili a viaggi senza ritorno (cosa che accade anche alla Fiorentini, sia in trio sia in più estesi ensemble, come testimoniano i contributi presenti nel dvd). Anche quando ciò avveniva, però, Sun Ra manteneva un controllo e una gestione dell’ensemble perfetti. Per lui, infatti, il cosmo era una sorta di giungla tribale, un’Africa ancestrale – ed è ciò che più di ogni altro fattore lo unisce alla scena free afroamericana di quel periodo -, in cui la sua orchestra svolgeva il ruolo di comunità, universalmente intenta a celebrare riti tradizionali in maniera pura, sublime e – nonostante una prima impressione sonora – armoniosa.

Seguendo una logica di orchestrazione “cosmica”, molto simile a quella di Sun Ra, in quest'album Marina Fiorentini riunisce attorno a sé un ensemble di 6 elementi, lasciando ad ogni singolo strumento una grande libertà individuale e realizzando composizioni che spaziano molto tra momenti di ricercata interazione tra i singoli e momenti invece di totale improvvisazione collettiva. Su un sempre mobile e dinamico tappeto ritmico di basso, percussioni e batteria si snodano, infatti, le improvvisazioni delle liquide tastiere, della lirica chitarra e dell’arguto clarinetto, che spesso, all’unisono o in contrappunto con la chitarra, detta trame melodiche, dando l’impressione di voler condurre verso una direzione ben precisa le dinamiche dell’intero ensemble. Nonostante, infatti, la musica, nel suo complesso, sia molto free, in ogni brano è sempre chiaramente presente una melodia che "affiora" sottilmente fra le pieghe dell'esecuzione.

I brani sono caratterizzati da un crogiuolo di suoni e di colori fra i più disparati, che mediano fra poliritmie tradizionali africane (percussioni, basso e batteria), elementi di etno-free jazz di stampo mediorientale (il clarinetto e la chitarra) e soluzioni pianistiche monkiane (le tastiere). Il risultato sono “visioni sonore” di grande fascino ed espressività. Il sound è frastagliato, “inconsueto”, a tratti – per i poco abituati – un po’ ostico, ma l’ascolto reiterato aiuta a comprenderlo maggiormente. Occorre abituarsi ai suoni delle avanguardie, proprio perché sono “avanti” rispetto agli ascolti consueti, ma non si può non provare un indubbio fascino e attrazione verso queste sonorità così “diverse”, “altre”. Occorre liberare la mente dagli stereotipi consumistici e lasciarsi trasportare dalla musica, linguaggio universale, eppur sempre variegato. La fresca originalità di questa musica si coglie soprattutto nell’intreccio, mai scontato, dei tanti timbri coinvolti, che animano la scena con idee espressive briose e ricche di estro. Un ensemble coeso, in pieno fermento, quello di Marina Fiorentini, che viaggia, seppur all’interno di dinamiche free, all’unisono, compatto verso una medesima direzione. Il ruolo guida è spesso affidato – come già notato - alle linee del clarinetto e/o della chitarra, ma il percorso che viene intrapreso, brano per brano, dai diversi strumenti è sempre estremamente variegato. Il tragitto mirabilmente tracciato nelle trame sonore intessute dalle partiture libere, composte dalla leader, ne definisce, perciò, solo la comune meta: sta all’ensemble ed al loro cerebrale interplay giungervi all’unisono.

Solo per fare un esempio, Radio Visions è caratterizzata dalla preziosa chitarra di Roberto Ferreira, che intreccia linee melodiche di ottima fattura in contrappunto con il clarinetto di Fernando Gatti, che a sua volta delicatamente instaura con essa un partecipativo dialogo. Basso, tastiere, percussioni e batteria, seppur diversificandosi, intrecciano per i due solisti un ottimo, frastagliato e caleidoscopico tappeto ritmico. Tutto ciò dà vita a una musica sofisticata, con ascendenze mediorientali e dall’affascinante sound cosmopolita e “speziato”, che colora in modo cangiante la scena e invita la mente dell’ascoltatore a perdersi nello scorrere lento e fluttuante del brano. La voce calda ed avvolgente del percussionista Nilton Abisay, sul finale, “risveglia” dal coinvolgente “torpore immaginifico”, impreziosendo la scena di nuove, suggestive e più “concrete” immagini. Un brano decisamente affascinante, che cattura per la sua bellezza sonora e la sua grande forza evocativa. Un brano emblematico dello straordinario e originalissimo lavoro condotto in America da Marina Fiorentini e dal suo ensemble.

Nel libretto interno, la tracklist recita: Black Aurora / Radio Visions / Stereo Sun / Space Out / Iridescent Clouds. Ma vista una discrepanza fra titolo e durata del brano, credo che la lista giusta sia: Space Out / Radio Visions / Iridescent Clouds / Black Aurora / Stereo Sun.

In fondo, se la bellezza di tale musiche è data propria dalla loro capacità di evocare affascinanti e fluttuanti immagini mentali, perché “etichettare” un’evocazione personale e soggettiva con un solo, preciso, già stabilito ed oggettivato titolo! Non a caso il sassofonista free Anthony Braxton, esasperando forse troppo lo spirito radicale e rivoluzionario di quegli anni così “liberi” per il jazz, era solito intitolare i suoi soli con numeri e formule matematiche…

Marco Maimeri


Reviews


to write a review

david mills

intersted rethym
i love the rethym of this songs it makes me to sleep like a bby