Papafroll's | Still I'll See You

Go To Artist Page

Recommended if You Like
Genesis King Crimson Pink Floyd

More Artists From
ITALY

Other Genres You Will Love
Rock: Progressive Rock Folk: Progressive Folk Moods: Mood: Virtuoso
There are no items in your wishlist.

Still I'll See You

by Papafroll's

Il primo e unico Album di una band entrata nella leggenda. Un rarità da conservare per chi ha conosciuto Guido Marocchini e la sua Band. The first and only album by a band entered into legend. A rarity in store for those who have known Guido Marocchini.
Genre: Rock: Progressive Rock
Release Date: 

We'll ship when it's back in stock

Order now and we'll ship when it's back in stock, or enter your email below to be notified when it's back in stock.
Sign up for the CD Baby Newsletter
Your email address will not be sold for any reason.
Continue Shopping
available for download only
Share to Google +1

Tracks

Available as MP3, MP3 320, and FLAC files.

To listen to tracks you will need to either update your browser to a recent version or update your Flash plugin.

Sorry, there has been a problem playing the clip.

  song title
share
time
download
1. Prelude
Share this song!
X
5:04 $0.99
2. Joey and Roy
Share this song!
X
7:49 $0.99
3. Th Fragility of Being
Share this song!
X
7:39 $0.99
4. Resigned Disperation
Share this song!
X
5:31 $0.99
5. To Live
Share this song!
X
9:22 $0.99
6. The King's Knights
Share this song!
X
5:16 $0.99
7. Yuo've Killed the Dream
Share this song!
X
10:56 $0.99
8. Still I'll See You
Share this song!
X
5:35 $0.99
preview all songs

ABOUT THIS ALBUM


Album Notes
PAPAFROLL'S nasce all'inizio del 1992 da un'idea di Guido Marocchini. Per capire cosa è e cosa rappresenta il progetto PAPAFROLL'S bisogna conoscere la storia e la persona di Guido Marocchini. Guido nasce a Lecco nel Maggio del 1964. Se ne andato in silenzio all'alba di un sabato mattina, il 18 settembre 1993, in una camera di Ospedale, dove si trovava ricoverato in seguito ai postumi di un incidente stradale avvenuto il 25 agosto nei pressi di Ferrara, dove da alcuni anni prestava servizio estivo come educatore nell'Oratorio feriale gestito da Salesiani. Si chiudeva così la vicenda umana e musicale di Guido, un ragazzo come tanti, ma con qualcosa di "speciale". Un'adolescenza come tante: scuole dell'obbligo e poi a 18 anni diploma come Geometra. Anke la sua carriera musicale inizia in quegli anni con i primi studi di chitarra classica presso il conservatorio di Como. La sua formazione avviene in Oratorio: come educatore, guiderà, con alcuni amici gli oratori feriali e festivi, distinguendosi per la passione educativa e l'attenzione hai ragazzi. Poi il militare ke lo vede impegnato per un'anno ma sempre con gli studi di chitarra appresso. Nell'estate 89 c'è la prima svolta nella sua vita. Guido passa qualke mese in Etiopia, in due missioni ke i Salesiani gestiscono nella regione del Sidamo. Il contatto con la miseria e gli immensi bisogni dei poveri si rivela per Guido un'esperienza fortissima ke lo segnerà indelebilmente. Al suo ritorno parte per Darfo dove i Salesiani gestiscono un'istituto. E' una delle tappe di pre-noviziato, un periodo di verifica vacazionale ke guido Guido continuerà dopo qualke mese a Castel de Britti una casa per disadattati in prov di Bologna. Al termine dell'anno però non entra tra i Salesiani, rinunciando a quella ke pareva la sua vocazione, ma la passione educativa lo porta tra i Figli di Don Bosco a Codigoro. La riflessione vocazionale conduce Guido a rivedere anke la sua scelta professionale. Abbandona la ditta dv fa il Geometra e si mette a cercare un lavoro con forte valenza sociale e lo trova a Piona (LC) presso la comunità il GABBIANO, che gestisce un centro di recupero per ragazzi tossicodipendenti. Doveva essersi conquistato sul campo fiducia e credibilità dal punto di vista educativo se è vero, come confessò a qualcuno, ke gli era stato kiesto di assumere la responsabilità di un'altra comunità terapeutica da gestire. Nel tempo libero si dedicava alla musica. Sia quella suonata sia quella ascoltata. Era un grande esperto e la sua collezione di diski (quasi 3000) andava da un genere all'altro. I suoi studi classici erano al termine e un'altra passione stava emergendo: quella per la batteria. Nel 92 Guido fu scelto come responsabile del gruppo di Lecco del SIDAMO a motivo della sua dedizione senza riserve. In quel contesto cominciò a balenare nella sua mente l'idea di uno spettacolo musicale da portare negli oratori di tutta Italia. Far capire ai giovani, tramite la musica Rock, la parola del vangelo o comq la necessità di essere vicino ai bisognosi, alle persone ke soffrono, a quelle in difficoltà...ecc..ecc.. Cominciò con le prime lezioni di batteria con il maestro Walter Shebran (Mina) e cercò coloro i quali potessero seguirlo in questo progetto. Dopo 6 mesi nascevano i PAPAFOLL'S: Guido Marocchini (drum) Ettore Riva (guitar) Paolo Bovis (bass) Alex Michetti (vocal) Silvia Michetti (flute). Il gruppo si formò in occasione di un evento messo in piedi da Guido x commemorare la scomparsa di Carlo Castelli, un giovane ragazzo amico del Sidamo , morto in un incidente stradale. In quell'occasione Guido allesti interamente il "numero 0" di quello ke sarebbe , o avrebbe voluto, fare col progetto PAPAFROLL'S. Uno spettacolo pieni di immagini, musica, testi, poesie, commenti, balli. Un'opera multimediale completa, ancora prima ke la maggior parte delle persone sapesse il significato di questo termine; ricordiamo ke era il '93. Ovviamente c'era solo l'abbozzo...a grandi linee insomma, ma lo spettacolo fece rumore e nei mesi successivi il gruppo lavorò su tutto il palinsesto, i contenuti, le musike e i testi. Guido intanto continuava la sua ricerca, il suo capire di se, della vita e del significato della sua esistenza. Il suo lavoro alla comunità AL GABBIANO continuava serenamente e soprattutto i ragazzi, stavano costruendo con lui un'ideale di vita, una resurrezione delle proprie capacità e potenzialità. Purtroppo tutto questo si interruppe il 18 settembre 1993. Guido ci lasciava e lasciava un grande vuoto, incolmabile..... Dopo i primi mesi, passati nello sconforto e nella tristezza, i componenti dei PAPAFROLL'S decisero di compiere un'ultima importante cosa per il loro amico e batterista: portare a compimento il suo progetto. Cosi per un'anno intero cercarono di capire dagli appunti di GUIDO, dalle sue registrazioni, dai suoi disegni, cosa aveva in mente e cosa voleva fare con la propria musica. Arrivarono nel gruppo Roberto Panzeri (Drum) e Paolo Spreafico (Keys), musicisti ke gia suonavano con Ettore nel gruppo dei Random. Tra la primavera e l'estate '94 fu registrato il primo e solo LP dei PAPAFROLL'S : STILL ILL SEE YOU e a settembre1994 ci fu il primo e ultimo LIVE CONCERT della Band: l'ultimo omaggio a GUIDO. I numeri di quell'evento sono diventati ormai leggenda: oltre 1000cd veduti in una sola serata, piu di 1500 persone nel cine teatro PALLADIUM (capienza 500) e un gran parlare su tutti i quotidiani locali e qualcuno anke nazionale. Abbiamo messo online questo ALBUM perchè non vada perduto e per ricordare i PAPAFROLL'S, soprattutto Guido a cui Dio ha riservato un'altro spartito......


Reviews


to write a review